La 3¬ uscita ufficiale di trekking dei Rinco Boys, sul Monte Corona


 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'ultima tappa del 2009
SUL MONTE CORONA, A CAVALLO TRA VAL D'ADIGE E VALLE DI CEMBRA,  L'ULTIMA USCITA UFFICIALE DI UNA STAGIONE INTENSA. ORA IL CLUB SI PROIETTA VERSO LA GRANDE FESTA DI FINE ANNO, SABATO 28 NOVEMBRE.

 

 

i presenti
 

+  
   

la cronaca

Giovo (TN), 21/11/2009. E' stata disputata questa mattina, sul Monte Corona, la 3¬ uscita stagionale di trekking, ultimo appuntamento ufficiale di questo 2009 prima della grande festa finale di sabato 28/11.  8 i Rinco al via da Maso Roncad˛r, lungo la strada del Vino, per affrontare l'anello attorno al Monte Corona, un piccolo rilievo a cavallo tra Val d'Adige e Valle di Cembra.

Percorso decisamente soft, di circa 7 km, con 500 metri di dislivello e un fondo per nulla tecnico, trattandosi di strade forestali e sentieri tra i vigneti. La partenza Ŕ avvenuta attorno alle 9,00, quando la temperatura era ancora abbastanza rigida dopo una nottata di cielo stellato. Dal Maso Roncad˛r, collocato sulla sella che segna il passaggio geografico dalle colline di Lavis alla valle di Cembra, Ŕ stato percorso un breve tratto della strada del Vino (nel tronco che da Maso San Valentino conduce a Giovo), con vista sugli spettacolari vigneti a terrazzo ricavati sui ripidi pendii che digradano verso il fondo valle, dove scorre il torrente Avisio.

Poco prima di raggiungere il paese di Ville, la strada Ŕ stata abbandonata per imboccare un ripido sentiero che sale proprio tra i vigneti, con un suggestivo percorso che passa tra i filari (che in questo momento dell'anno presentano il fogliame colorato di giallo), con addirittura degli scalini per superare le ripide pendenze. Una volta raggiunto il pianoro che sovrasta l'abitato di Ville, Ŕ stata imboccata la strada che dal paese sale verso il Monte Corona e che corre tra le pendici del rilievo e le ultime coltivazioni di mele.

Poco prima di lasciare nuovamente la strada per entrare nel bosco, Ŕ apparsa sopra le teste dei trekker la meta dell'escursione, la grande croce metallica posta sulla sommitÓ del Monte Corona, in localitÓ Dos Paion, affacciata sopra una parete rocciosa verticale. DopodichŔ Ŕ stata imboccata la forestale che gira attorno al monte, entrando in un fitto bosco di faggi, le cui foglie secche hanno giÓ ricoperto il terreno. La salita Ŕ proseguita con pendenza moderata, in direzione nord, fino a raggiungere le pendici settentrionali del Monte Corona, dove una notte d'autunno del 1797 si svolge una furiosa battaglia tra le truppe francesi di Napoleone (di stanza a Gardolo) e quelle austriache che si erano trincerate a Lavis, sfruttando lo sbarramento naturale del torrente Avisio. 

In questo punto la strada svolta decisamente ad est, aggirando il monte (la cui forma Ŕ simile ad un ovale allungato) e puntando verso la valle dell'Adige. A circa metÓ del versante settentrionale Ŕ stato incontrato il bivio con il sentiero che staccandosi dalla strada forestale sale deciso verso la sommitÓ del rilievo, tagliando dapprima la dorsale centrale e poi proseguendo con un piacevole saliscendi nel bosco, fino a raggiungere nuovamente il versante est. Qui, sul cosiddetto Dos del Pai˛n, le sezioni Alpini di Pal¨, Verla e Ville/Valternigo hanno posato lo scorso maggio una grande croce metallica, proprio nel punto dal quale si pu˛ ammirare la conca del comune di Giovo. La piazzola, molto panoramica, Ŕ stata messa in sicurezza con una staccionata in legno, dimodochÚ si pu˛ tranquillamente sostare ed ammirare il panorama, che spazia lungo tutte le catene montuose del Trentino orientale.

Dopo la breve sosta e l'immancabile foto di gruppo davanti alla grande croce, Ŕ stato percorso a ritroso il sentiero fino a ritornare al bivio con la strada forestale, per proseguire l'anello attorno al monte. Poco dopo si Ŕ arrivati infatti sul versante ovest, affacciato come un balcone sulla Piana Rotaliana, con un bel panorama sul Gruppo del Brenta, le cui cime innevate si stagliavano nel cielo azzurro.

In una comoda piazzola panoramica dotata di panchine e tavolo Ŕ stato consumato un breve spuntino, con pane, salame e formaggio, annaffiati con del fresco MŘller Thurgau, il vino principe della Valle di Cembra, che sui ripidi versanti dell'Avisio sembra avere trovato il suo habitat ideale.

Dopo essersi rifocillati a dovere, gli 8 Rinco hanno quindi ripreso il cammino, sempre sulla strada forestale, incontrando dopo circa 500 metri un incantevole laghetto adagiato in una conca erbosa e circondato da un canneto.

Dopo aver attraversato i prati, l'escursione Ŕ proseguita sempre in discesa, lungo la strada che taglia in diagonale il versante occidentale del Monte Corona, raggiungendo dapprima la localitÓ di Valsolana, dove si trova una baita attrezzata per feste campestri, e poi la localitÓ di Serci di Giovo. Qui si Ŕ usciti dal bosco e l'ultimo tratto di cammino Ŕ avvenuto tra i meleti, per sbucare sulla strada del Vino proprio in corrispondenza del maso Roncad˛r, dove era iniziata l'escursione qualche ora prima.

i dati tecnici

Per quanto riguarda i dati tecnici, sono stati percorsi circa 7 km, mentre il dislivello complessivo Ŕ stato di circa 500 metri. L'altimetria Ŕ caratterizzata da un continuo saliscendi, tipico dei percorsi ad anello, con un'unica salita un po' pi¨ lunga, da Ville di Giovo fino alla sommitÓ del Monte Corona. GPM alla croce sul Dos Paion (m. 1.035). 

 CLICCA SULL'IMMAGINE DEL
TRENTINO-ALTO ADIGE PER VISUALIZZARE LA
CARTINA DEL TRACCIATO

 

le immagini


Partiamo da maso Roncad˛r, percorrendo un tratto della Strada del Vino


Lo spettacolo dei terrazzamenti vitati della Val di Cembra


Qualche grappolo Ŕ sfuggito alla vendemmia e noi ne approfittiamo!


Dopo circa mezzo chilometro raggiungiamo l'attracco del sentiero


Una registrata ai bastoncini prima di iniziare la salita


Affrontiamo la ripida carrareccia tra i vigneti


La pendenza, in alcuni punti, Ŕ notevole, tanto che sono stati posati dei gradini di cemento


Il sentiero passa anche sotto i filari


Raggiungiamo il pianoro soprastante l'abitato di Ville di Giovo


Imbocchiamo la strada che dal paese sale al Monte Corona


A un certo punto scorgiamo sopra di noi l'obiettivo: la grande croce sul Dos Pai˛n


Lasciamo la strada asfaltata seguendo le indicazioni


Il primo tratto Ŕ abbastanza comodo e poco ripido


Si cammina in un fitto bosco di faggi


Il sentiero Ŕ coperto di foglie secche


Pi¨ in alto la strada si fa pi¨ ripida e sassosa


Incontriamo il bivio con la segnaletica per il Dos Paion


Deviamo a sinistra, sul ripido sentiero che conduce alla sommitÓ del monte


Il sole filtra tra i rami degli alberi, creando degli strani effetti di luce


Il sentiero prosegue in un piacevole saliscendi


Eccoci giunti sul Dos Pai˛n


Togliamo gli zaini per una breve pausa


Qualche minuto al sole tiepido


La grande croce posata dagli Alpini il 24/5/2009


Il panorama verso est e le catene del Lagorai


A sud spicca invece il cono del Monte Bondone


Guardando in basso si pu˛ ammirare il bosco variopinto


Lasciamo un messaggio sul registro dei visitatori


Prima di tornare indietro non pu˛ mancare la foto di gruppo


Ripercorriamo a ritroso il sentiero dell'andata


Scendiamo in direzione del bivio dove riprenderemo la strada forestale


Ripresa la strada proseguiamo in direzione ovest, aggirando il Monte Corona


Sul versante ovest si apre il panorama sulla Piana Rotaliana, l'altopiano di Fai della
Paganella e, sullo sfondo, il maestoso Gruppo del Brenta, con le cima giÓ tutte innevate


Alla piazzola panoramica Lucky Luke trova una comoda poltroncina di tronco


Cecchi Paone si siede sulla panchina ad ammirare il panorama


Frank osserva le montagne appoggiato alla staccionata di legno


Nel frattempo si prepara lo spuntino


Pane, salame, formaggio e ... MŘller Thurgau


Alla salute, Rinco!


C'Ŕ anche il caffÚ, con tanto di tazzina!


Quello che ci vuole per concludere un pasto!


Un attimo di relax prima di riprendere il cammino


Un ultimo sguardo al Brenta


Iniziamo la discesa


Dopo nemmeno 500 metri incontriamo un incantevole laghetto


La strada prosegue lambendo il piccolo specchio d'acqua


Lasciamo la zona del laghetto incamminandoci nei prati


Proseguiamo la discesa sulla strada in fase di allargamento


La comoda strada si snoda tra fitte abetaie


Lucky Luke con il Presidente e Frank


Il passaggio in localitÓ Valsolana


Lucky Luke e Frank conversano durante la discesa


Il Presidente con El Griso e l'Uomo Ombra


Usciti dal bosco ci troviamo di fronte la Paganella


I colori del bosco d'autunno


La discesa sta per terminare e incontriamo i primi meleti della zona di Maso Roncad˛r


Ed eccoci rientrati a Maso Roncad˛r. Anche questa Ŕ andata

 

Alla prossima !